Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Portale Epatite e malattie del fegato
Malattie autoimmuni

colangite sclerosante

Dottore buongiorno, la ringrazio infinitamente per le varie risposte ad i quesiti, quindi,riepilogando : - sono circa 20 anni riscontro i valori alterati,anche se in maniera piu' incisiva negli ultimi 10. Nessun sintomo particolarmente importante ,al di la di quelli legati allo stomaco : - sensazione di facile pienezza gastrica - alcune volte dolore bocca dello stomaco e schiena ( per fortuna raro e comunque gestibile senza farmaci sino ad oggi) - sensazione di stomaco contratto -bruciore di stomaco ma quanto sopra l'ho sempre attribuito al reflusso gastroesofageo ,o alla bile densa,o alla mia colecisti che dicono idropica,iperdistesa,in passato con fango biliare. di certo ho una colestasi cronica, ma non credo possa essere ricondotta al semplice fango biliare vero? avrei dovuto avere qualche evento acuto,cosa che io non ho avuto aldila' di qualche dolore di tanto in tanto che poi e' passato? o tutti i sintomi sopradescritti gia' sono dei ''sintomi''? inoltre,per ovvie ragioni,leggo che tanti pazienti con sclerosante hanno rimosso la colecisti non risolvendo ovviamente il problema ( anzi,forse peggiorandolo visto che si tranciano le vie biliari?) In soldoni le chiedo : il semplice fango biliare puo' essere causa di irregolari dilatazioni e restringimenti solo in caso di evento acuto ? o anche in chi come me ha colestasi cronica da anni? peraltro anche con un fibroscan oltre 11kpa? penso che anche per le altre cause( infettive ecc ) avrei dovuto avere qualche sintomo eclatante no? o puo' essere tutto asintomatico? per fortuna la steatosi rimane lieve negli anni, non so se questo puo' dare qualche indicazione positiva in merito al quadro generale. Comunque ,la colestasi cronica,qualunque sia la causa,mi pare sia una malattia purtroppo,senza una terapia veramente efficace,tranne che per pochi fortunati pazienti. Grazie
Dott.MarcoCarboneSpecialista in Gastroenterologia ed Epatologia
ASST Monza - Centro per le Malattie Autoimmuni del Fegato

Questo parere non ha valenza di consulto medico e non può sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.

Buongiorno

Il fango biliare può essere conseguenza delle irregolari dilatazioni e restringimenti dell'albero biliare. Allo stesso modo può esserne a volte causa, in persone che hanno litiasi biliare cronica con frequenti coliche biliari.
Consiglio di far riferimento ad un centro epatologico esperto nella gestione delle malattie biliari autoimmuni per un miglior inquadramento.

Un cordiale saluto

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione