Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Portale Epatite e malattie del fegato
Malattie autoimmuni

fibroscan in colestasi cronica

Gentile Professore buongiorno, intanto complimenti vivissimi per la tenacia e la professionalita' con cui vi state dedicando allo studio ed alla ricerca in queste malattie rare,oserei dire in maniera unica rispetto a tutti gli altri centri. vedo che finalmente si possono rendere pubblici i dati relativi allo studio sull'affidabilita' del fibroscan nelle malattie colestatiche ed in particolare la CBP ( non so se questo possa essere sovrapponibile anche per la psc) Chiedo : il fibroscan pare avere diversi limiti e comunque non offre un unica interpretazione pertanto suppongo vada valutato come parte di un puzzle insieme alla storia del paziente,esami del sangue,risonanza ecc.. ma soprattutto non mi spiego : persone che hanno necessita'di un trapianto o uno stent hanno 6kpa con enzimi alterati altri hanno 12 kpa, transaminasi a 200,fosfatasi a 300 ,gamma gt a 400, ma la biopsia dimostra assenza o minima fibrosi. altri hanno enzimi normali ma fibrosi avanzata. Insomma,come si fa a dare il giusto peso al kpa ? Come si spiega che pazienti affetti dalla stessa patologia hanno dei valori fibroscan completamente opposti? paziente A con transaminasi ,gamma gt e fosfatasi mosse da anni esegue il fibroscan ha 6 kpa paziente B con transaminasi ,gamma gt e fosfatasi alte da anni esegue il fibroscan ed ha 12 kpa paziente A RIPETE IL FIBROSCAN CON VALORI DEL SANGUE QUASI NORMALI ed il suo fibroscan e' peggiorato sino a 10/11 kpa paziente B CON FOSFATASI ALCALINA,GAMMA GT E TRANSAMINASI ALTERATE GLI VIENE DETTO...tranquillo con questi valori non e' affidabile,ad enzimi normalizzati avrai al max un 7 kpa. insomma sembra tutto il contrario di tutto....lo studio e' riuscito a chiarire questi aspetti e dare delle linee guida? Grazie
Dott.PietroInvernizziMedico specialista in Gastroenterologia
UOC Gastroenterologia
ASST Monza

Questo parere non ha valenza di consulto medico e non può sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.

Buon giorno,
Si dove studiare in ciascuna malattia, perchè non è scontato che i dati da fibroscan siano uguali in ogni malattia.
Il fibroscan ha dei limiti, ma non è completamente inattendibile. I medici considerano tanti aspetti e parametri, non solo uno per conoscere la malattia di ogni paziente.
Serve continuare a fare studi su approcci non invasivi come il fibroscan.
Saluti

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione