Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Portale Epatite e malattie del fegato
Malattie autoimmuni

Psc

Nel 2016 mi è stata diagnosticata la PSC che si è evoluta rapidamente portandomi al trapianto di fegato nel novembre 2017. Già dalla prima colangio RM di controllo nellAprile 2018 e poi nelle successive di luglio 2018 e marzo 2019 sono stati evidenziati nuovamente infiammazione dei dotti biliari, presenza di ectasie e stenosi e di fibrosi ed il radiologo ipotizza la ripresa della malattia di origine. Il valore degli enzimi epatici è nella norma tranne la fosfatasi alcalina che oscilla tra livelli di 300-650. Ho fatto anche una biopsia del fegato che ha rilevato stessa problematica. Vi chiedo : se è possibile a così breve distanza dal trapianto( descritto come l’unica cura risolutiva) il manifestarsi di nuovo della malattia. se ad oggi esistono nuovi farmaci per bloccare il progredire della malattia (acido obeticolico?) e in caso affermativo se è opportuno che inizi al più presto l’eventuale cura ( adesso sto assumendo acido ursodesossicolico 900mg al giorno oltre ad immunosoppressori); se è necessario sottopormi a trattamenti chirurgici tipo inserimento di palloncini o stent oppure a drenaggio biliare. Vi ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti
Dott.PietroInvernizziMedico specialista in Gastroenterologia
UOC Gastroenterologia
ASST Monza

Questo parere non ha valenza di consulto medico e non può sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.

Buon giorno, la malattia si può ripresentare dopo trapianto di fegato in un sottogruppo di pazienti. Anche se, come per la malattia prima del trapianto, l'acido ursodesossicolico non è riconosciuto come terapia, a molti paziente viene prescritto. Non ci sono dati riguardo al possibile uso di acido obeticolico, e non è prescrivibile ed è sconsigliabile. Per la gestione con stents o dilatazioni, le scelte devono essere fatte dai centri che gestiscono i singoli casi, considerando le necessità specifiche dei singoli casi.
Saluti

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione