Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Portale Epatite e malattie del fegato
Malattie autoimmuni

colangite sclerosante

Buonasera, ho letto alcuni studi americani che dimostrerebbero,almeno nei topi, che Il probiotico Lactobacillus rhamnosus GG preverrebbe l'accumulo di acidi biliari epatici e il danno epatico un po' come farebbe o potrebbe fare il Cilofexor? ci sono dimostrazioni in questo senso? avrebbe una logica assumere questo probiotico con l'intento di migliorare il microbioma e perche' no..tentare di contenere o ridurre il danno epatico? Grazie
Prof.MarcoCarboneSpecialista in Gastroenterologia ed Epatologia Centro per le Malattie Autoimmuni del Fegato
Università di Milano-Bicocca ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda – Milano


Questo parere non ha valenza di consulto medico e non può sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.

Buongiorno

nonostante la manipolazione del microbiota intestinale sia un target terapeutico probabilmente efficace, l'uso dei probioti fino ad oggi è stato deludente (nell'essere umano)
Cordiali saluti

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione