Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Portale Epatite e malattie del fegato
Malattie autoimmuni

Encefalopatia epatica, ruolo della rifaximina nella prevenzione primaria

L'antibiotico rifaximina somministrato prima e dopo il posizionamento dello shunt portosistemico intraepatico transgiugulare (TIPS) ha contribuito a prevenire l'encefalopatia epatica (HE) in uno studio controllato con placebo pubblicato su Annals of Internal Medicine.

Il TIPS è una procedura che viene utilizzata per ridurre l’ipertensione della vena porta (ipertensione portale) che è una condizione patologica caratterizzata dall’aumento della pressione nella vena porta, ovvero la vena deputata al trasporto del sangue refluo al fegato dalla maggior parte degli organi addominali e causata generalmente dalla presenza di un ostacolo alla progressione del sangue.

"TIPS è un trattamento molto efficace delle complicanze della cirrosi correlate all'ipertensione portale, ma il principale svantaggio di questa procedura è l'elevata incidenza di encefalopatia epatica post-TIPS che ne limita l'uso", hanno precisato gli autori.
L'efficacia della rifaximina nella prevenzione secondaria dell'encefalopatia epatica manifesta (HE) è ben documentata, ma la sua efficacia nel prevenire un primo episodio nei pazienti dopo shunt portosistemico intraepatico transgiugulare non è stata stabilita.

Il dottor Christophe Bureau e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, controllato con placebo in cui hanno assegnato in modo casuale 197 pazienti con cirrosi (età media 60 anni; circa 78% uomini) sottoposti a TIPS per ascite intrattabile o prevenzione del risanguinamento delle varici a ricevere rifaximina (600 mg due volte al giorno) o placebo, iniziando 14 giorni prima del TIPS e continuando per 168 giorni dopo la procedura.

L'endpoint primario di efficacia era l'incidenza di encefalopatia epatica nel periodo di follow-up post-TIPS.

Un episodio di HE palese si è verificato nel 34% (95% CI, dal 25% al 44%) dei pazienti nel gruppo rifaximina (n=93) e nel 53% (CI, dal 43% al 63%) nel gruppo placebo (n=93) durante il periodo successivo alla procedura (odds ratio, 0,48 [CI, da 0,27 a 0,87]). Né l'incidenza di eventi avversi né la sopravvivenza libera da trapianto erano significativamente differenti tra i 2 gruppi.
La durata mediana dell'episodio è stata di quattro giorni.
Gli autori fanno notare che la conclusione dello studio si applica principalmente ai pazienti con cirrosi alcolica, che costituivano la maggior parte (86%) della popolazione dello studio.

Il dottor Bureau ha precisato: "Sono in corso studi per una migliore comprensione delle azioni della rifaximina per eventualmente ampliare l'indicazione per i TIPS. Sono necessari anche ulteriori studi per sapere se la rifaximina deve essere portata avanti per un periodo più lungo di sei mesi."

La dottoressa Sonja Olsen, epatologa dei trapianti presso la NYU Langone Health di New York City, ha dichiarato a Reuters Health: "L'encefalopatia post-TIPS è un grave problema e spesso richiede il ricovero in ospedale e un esame approfondito per altre cause di encefalopatia. la capacità di ridurre l'incidenza di un primo episodio di HE in questa popolazione ad alto rischio è significativa. I risultati sono promettenti soprattutto perché la rifaximina è un farmaco molto ben tollerato ".

"I tassi di HE osservati nello studio (34% e 53%) sono più alti di quelli che normalmente vediamo", ha osservato. "Questo non sembra essere correlato al modo in cui hanno valutato l'HE. Una distinzione importante con questo studio è l'uso di rifaximina due settimane prima del TIPS, che è nuovo e ha senso dato il suo meccanismo d'azione. Un altro punto è il fatto che i pazienti studiati avevano un MELD basso, il che potrebbe non essere rappresentativo del paziente medio che riceve un TIPS. "

In conclusione, nei pazienti con cirrosi trattati con TIPS, la rifaximina è stata ben tollerata e ha ridotto il rischio di HE manifesta. La rifaximina dovrebbe quindi essere considerata per la profilassi dell'HE post-TIPS.

Detto questo, ha aggiunto che lo studio potrebbe cambierà la pratica clinica, poiché la prevenzione dei ricoveri per HE post-TIPS migliorerà notevolmente la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie.

Fonte: pharmastar.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione