Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Portale Epatite e malattie del fegato
Malattie autoimmuni

Nafld. Legame tra funzione tiroidea e mortalità

La steatosi epatica non alcolica (Nafld), se associata a una scarsa funzione tiroidea, può aumentare il rischio di mortalità per tutte le cause e in particolare per quelle cardiovascolari. Un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine ha esaminato i datii della National Health and Nutrition Examination Survey (Nhanes) III, condotta dal 1988 al 1994, registrando tra i decessi cardiovascolari una prevalenza di Nafld del 33,9%.
06 LUG - (Reuters Health) – La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), combinata a una scarsa funzione tiroidea, si associa a un rischio aumentato di mortalità per tutte le cause e, in particolare, per quelle cardiovascolari. È quanto emerge da uno studio condotto dalla Stanford University School of Medicine e pubblicato da The American Journal of Gastroenterology.

Donghee Kim e colleghi hanno esaminato i dati della National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) III, condotta dal 1988 al 1994. In particolare, hanno analizzato i dati sulla mortalità fino al 2015 di oltre 10.000 partecipanti.

Sono stati registrati un totale di 2.978 decessi, dovuti soprattutto a cause cardiovascolari e cancro, durante il follow-up mediano di 23 anni. La prevalenza di NAFLD, definita come steatosi epatica diagnosticata ecograficamente senza epatopatia coesistente, era pari al 33,9%, tra cui il 19,7% con steatosi da moderata a grave.

Lo studio
Secondo i ricercatori, livelli più elevati di ormone tireostimolante (TSH) nello stato eutiroideo possono incidere negativamente sulla salute metabolica. Per esaminarne la possibile influenza, i ricercatori hanno confrontato livelli di TSH all’interno del normale range eutiroideo. Un livello di TSH maggiore di 4,5 m IU/L è stato definito come ipotiroidismo subclinico, mentre un livello basso-normale oscillava tra i 2,5 e i 4,5 mIU/L/.

Nel complesso, 8,287 soggetti avevano una funzione tiroidea “esatta-normale” (0,39-2,5 mIU/L). Una scarsa funzione tiroidea si associava a un aumento del 29% del rischio di NAFLD (P=0,014).

Inoltre, una scarsa funzione tiroidea si correlava anche a un rischio significativamente superiore di mortalità per tutte le cause nei soggetti con NAFLD (hazard ratio, 1,24; P=0,031), ma non in quelli senza tale patologia. Una scarsa funzione tiroidea era infine associata a un rischio superiore di mortalità cardiovascolare nell’intera popolazione e nei pazienti con NAFLD. Tale associazione non si osservava nel gruppo non-NAFLD.

Sebbene la NAFLD di per sé non aumenta il rischio di mortalità per tutte le cause o causa-specifico – ha concluso il gruppo di studio – insieme a livelli di TSH in aumento si associa a mortalità per tutte le cause e in particolare a mortalità cardiovascolare.

Fonte: quotidianosanita.it

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione